Colibrì

Una malattia chiamata perfezionismo

Pubblicato il

Che fine hanno fatto Colibrì e Tosti ‘sti testi? Forse te lo stavi chiedendo. O forse no. Magari nemmeno sai cosa sono. Perdonami, ma sai, ciò che facciamo in prima persona ci sembra sempre più importante di quanto in realtà non sia, soprattutto agli occhi degli altri. Ad ogni modo, sono entrambi momentaneamente in stand-by. A te decidere se vedere il bicchiere mezzo vuoto, mettendo l’accento su stand-by, oppure mezzo pieno, mettendolo invece su momentaneamente. Fatto sta che l’unica puntata […]

Cooperazione

Intervista a Francesco Ceppi

Pubblicato il

In occasione della Giornata mondiale contro il cancro ho intervistato Francesco Ceppi, emato-oncologo pediatra al CHUV di Losanna. Obiettivo dell’intervista, mostrare i passi avanti che si sono fatti nella cura del cancro, in particolare nelle forme tumorali che colpiscono i bambini, e quelli che ancora si stanno facendo. In particolare sono due le scoperte recenti in questo ambito che sembrano promettere grandi cose per dare non solo un futuro a chi si ammala, ma un futuro migliore, senza (o con […]

Cooperazione

Attività didattiche nei musei della Svizzera italiana

Pubblicato il

Da qualche anno ormai, la tendenza è quella di portare sempre più gli allievi delle scuole a confrontarsi con situazioni reali, spesso al di fuori delle sedi scolastiche. Uno di questi luoghi è il museo, che a sua volta si è da tempo trasformato in un luogo di apprendimento per adulti e bambini. Con questo mio articolo su Cooperazione ho provato a fare un po’ il punto di ciò che si sta facendo in questo senso nella Svizzera italiana. Non […]

Cooperazione

Tre braccia e una moto

Pubblicato il

A volte grazie al proprio lavoro s’incontrano persone straordinarie. Se poi quel lavoro è nel campo del giornalismo, non di rado si trovano sulla propria strada anche delle storie straordinarie. Nel numero di questa settimana di Cooperazione ho la fortuna di potervene raccontare una, quella di Matteo Conconi, che ha tre braccia ma ne vorrebbe un quarto e che sogna di tornare un giorno in sella a una moto. Leggi l’articolo su cooperazione.ch! «Stavo in alto, dentro la navicella del […]

Segnalazioni

Storie di badanti, di madri e di figlie

Pubblicato il

Viceversa Letteratura, per il suo sito internet, mi ha chiesto di fare un confronto fra il libro Nataša prende il bus, pubblicato dalle Edizioni Ulivo di Balerna, e la pièce di teatro Natasha ha preso il bus, prodotta e presentata dal Teatro Sociale di Bellinzona. Entrambe le incarnazioni di questo progetto di Sara Rossi Guidicelli valgono assolutamente la pena di essere gustate. Ma forse proprio per questo è stato interessante metterle a confronto, cercare di capire come l’una e l’altra […]

Colibrì

Io e gli anni ’80

Pubblicato il

Sono nato all’inizio degli anni ’80. Alla fine del 1982, per essere precisi. Ma la mia memoria storica inizia davvero solo nel decennio successivo, con la Prima guerra del Golfo, estate 1990. Non è che del periodo precedente non abbia ricordi. Semplicemente, sono ricordi legati alla famiglia, ai compagni o alle maestre dell’asilo o di scuola, a cose e avvenimenti che potevo in qualche modo toccare con mano, di cui potevo avere un’esperienza diretta. Insomma, niente piazza Tienanmen, niente caduta […]

Cooperazione

Viva i giochi di società

Pubblicato il

Seconda storia di copertina per Cooperazione, su un tema che mi sta molto a cuore: i giochi da tavolo e di società. Lo sapevate che in Ticino esistono diverse associazioni, presenti su tutto il territorio, dal Mendrisiotto a Locarno alla Valle di Blenio, passando ovviamente per Lugano e Bellinzona, che organizzano serate aperte a tutti, durante le quali è possibile, oltre che incontrare nuove persone, scoprire e provare anche dei nuovi giochi? Chi pensa che “giochi di società = Monopoly” […]

Colibrì

La paura è una pagina bianca

Pubblicato il

Questo è il mondo, canta Davide Toffolo dei Tre allegri ragazzi morti. Un mondo che spesso ci fa paura. Ma la paura di cui parlo non è imparentata col terrore. Si tratta di una paura più cugina dell’ignoto e dell’incertezza che non dello spavento. Una paura chenon si presenta davanti a casa con indosso una maschera presa da qualche film dell’orrore, bensì con in mano una pagina bianca ancora tutta da scrivere. La paura di cui parlo è il cliffhanger […]

Colibrì

Di allergie e letteratura

Pubblicato il

La scuola può creare allergie. Lo dico per esperienza. Io per esempio ho contratto un’allergia a Italo Calvino. Alle elementari ci avevano fatto leggere Marcovaldo. Troppo presto per apprezzarlo. E poi non sono più riuscito a leggere altro di Calvino. Anzi no. Un’altra cosa l’ho letta. Lezioni americane. Anche in quel caso, però, perché obbligato dalla scuola. Che in quel caso era l’Istituto letterario svizzero di Biel/Bienne, dove ho studiato scrittura letteraria e dove ho trovato le lezioni di Calvino […]

Colibrì

E voi cosa leggete quando piove?

Pubblicato il

Quando le cose vanno male, agli avidi lettori si presentano sostanzialmente due possibilità. La prima: cercare libri positivi, che raccontano storie leggere e divertenti, piene di umorismo o di speranza, infarcite di buoni sentimenti e di eventi fortunati, favorevoli coincidenze, personaggi che sorridono alla vita e che ci aiutano a sgombrare il cielo dalle nubi. Oppure, la seconda: buttarsi su distopie e disastri annunciati, avvertimenti più o meno espliciti di ciò che potrebbe riservarci il futuro. E questo ‒ questo […]